Vescovo

+ Bruno Forte

stemma_vescovo

vescovo

 

 

Bruno Forte (Napoli, 1º agosto 1949) è un arcivescovo cattolico e teologo italiano. Dal 2004 è arcivescovo di Chieti-Vasto.

Nato a Napoli il 1º agosto 1949, dopo aver conseguito la maturità classica è entrato nel Seminario Maggiore di Napoli-Capodimonte dove ha seguito i corsi istituzionali.

Vita

Presbitero

È stato ordinato sacerdote dal cardinale Corrado Ursi il 18 aprile 1973 ed incardinato nel clero dell’Arcidiocesi di Napoli: ha prestato servizio pastorale presso le parrocchie di Nostra Signora del Sacro Cuore, Santa Maria della Sanità e Santa Maria del Soccorso.

Teologo

Nel 1974 ha conseguito il dottorato in Teologia presso la Facoltà Teologica di Napoli-Capodimonte. Ha approfondito gli studi a Tubinga e a Parigi, e nel 1977 si è laureato in Filosofia presso l’Università di Napoli.

Autore di numerose pubblicazioni di teologia, filosofia e spiritualità, assai note anche a livello internazionale, è stato docente di Teologia dogmatica presso la Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, di cui è statoDecano per 3 mandati (Sezione San Tommaso); Preside della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale per tre anni.

È stato il primo relatore al Convegno della Chiesa Italiana a Loreto (1985) e all’assemblea delle Chiese Europee a Erfurt (1988).

È membro Ordinario della Pontificia Accademia di Teologia e della Commissione Teologica Internazionale; membro del Pontificio Consiglio della Cultura e Consultore di quello per l’Unità dei cristiani; ha presieduto la commissione preparatoria al documento “Memoria e riconciliazione”, che ha accompagnato la richiesta di perdono di Giovanni Paolo II nel Giubileo del 2000.

Nel 2002 è stato nominato membro del Consiglio Scientifico dell’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani, l’organo che ha il compito istituzionale di tracciarne la linea editoriale e indicare i progetti futuri nel campo delle opere enciclopediche di carattere generale e settoriale.

Arcivescovo

È stato nominato Arcivescovo Metropolita di Chieti-Vasto il 26 giugno 2004 da Giovanni Paolo II; è stato ordinato dal cardinale Joseph Ratzinger l’8 settembre dello stesso anno e ha preso possesso dell’arcidiocesi il 25 settembre successivo, succedendo a Mons.Edoardo Menichelli nominato nuovo arcivescovo dell’arcidiocesi di Ancona-Osimo.

È stato Presidente della Commissione Episcopale per la Dottrina della Fede, l’Annuncio e la Catechesi della CEI per il quinquennio 2005-2010 ed è attualmente membro della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana.

Il 1º settembre 2006 ha accolto papa Benedetto XVI, in visita in Abruzzo, al Santuario del Volto Santo di Manoppello.

Nel 2010 è stato nominato membro della Commissione Episcopale per l’ecumenismo e il dialogo per il quinquennio 2010-2015

Il 15 gennaio 2011 è stato nominato membro del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione.

Pensiero filosofico

Nel contesto culturale del tramonto della ragione totalizzante, Bruno Forte inizia la sua riflessione filosofico-teologica-poetologica partendo dalla crisi dell’io-soggetto nell’ascolto dell’altro.

La parola dell’altro è al centro del suo costante dialogo con gli esponenti più significativi della filosofia e della teologia del nostro tempo: da Heidegger a Bultmann e Rahner, da Jaspers a Lévinas e a Mounier.

Bruno Forte articola la questione dell’altro essenzialmente su cinque livelli:

  • come evento di linguaggio interessa l’ermeneutica;
  • come rivelazione appartiene alla teologia;
  • come nominazione alla metafisica;
  • come deterritorializzazione o esodo è un problema antropologico;
  • e infine sotto il segno della storia si manifesta come resistenza, che ha trovato nel martirio di Dietrich Bonhoeffer la sua forma più alta.

Opere

Le numerose opere di Bruno Forte si possono distinguere, secondo il progetto dell’autore stesso, in tre gruppi: la Simbolica della fede, la Dialogica dell’amore e la Poetica della speranza.

Alla Simbolica della fede appartiene la Simbolica Ecclesiale in 8 volumi. Questi i titoli:

  • La parola della fede. Introduzione alla simbolica ecclesiale, San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano) 1996, ISBN 9788821531286
  • La teologia come compagnia, memoria e profezia. Introduzione al senso e al metodo della teologia come storia, San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano) 1987, ISBN 8821531295
  • Gesù di Nazaret, storia di Dio, Dio della storia. Saggio di una cristologia come storia, San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano) 1981, ISBN 8821517136
  • Trinità come storia. Saggio sul Dio cristiano, San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano) 1985, ISBN 8821509311
  • La chiesa della Trinità. Saggio sul mistero della Chiesa, comunione e missione, San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano) 1995, ISBN 8821529592
  • L’eternità nel tempo. Saggio di antropologia ed etica sacramentale, San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano), 1993, ISBN 8821526224
  • Teologia della storia. Saggio sulla rivelazione, l’inizio e il compimento, San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano) 1991, ISBN 8821520951
  • Maria, la donna icona del mistero. Saggio di mariologia simbolico-narrativa, San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano) 1989, ISBN 8821531309
  • Tra i titoli della Dialogica dell’amore:
  • La chiesa nell’eucaristia, D’Auria, Napoli 1975, ISBN 8870920097
  • La Chiesa icona della Trinità. Breve ecclesiologia, Queriniana, Brescia 1984, ISBN 8839912096
  • Laicato e laicità, Marietti, Genova 1986, ISBN 8821168565
  • Cristologie del Novecento. Contributi di Storia della Cristologia ad una Cristologia come storia, Queriniana, Brescia 1983, ISBN 8839906452
  • Sui sentieri dell’Uno. Saggi di storia della teologia, San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano), 1992, ISBN 8821525201
  • Confessio theologi. Ai filosofi, Cronopio, Napoli 1995, ISBN 8885414141
  • In ascolto dell’Altro. Filosofia e rivelazione, Morcelliana, Brescia 1995, ISBN 8837215878
  • Trinità per atei, Cortina Raffaello, Milano 1996, ISBN 887078407X
  • Alla Poetica della speranza appartengono questi titoli:
  • Sull’amore, D’Auria, Napoli 1988
  • Sul sacerdozio ministeriale. Due meditazioni teologiche, San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano) 1989